Prospettiva.

Da qualche minuto accarezzo i riccioli biondi che si formano alla base di una nuca spingendomi cauta anche verso le spalle larghe e le braccia forti.

Era molto tempo che non ti lasciavi toccare: che il tempo delle coccole fosse finito ce ne siamo accorti insieme tempo fa. Tu hai iniziato a guardare oltre ed io ho allargato le braccia per non intralciare alcun battito d’ala.

Ringrazio in silenzio le coniche che ti hanno dato del filo da torcere nell’ultima verifica di matematica. Sei venuto a parlarmene e trovandomi sdraiata a letto con un libro ti sei sdraiato a tua volta, mi hai girato la schiena ed hai continuato a parlare di fuochi, di vertici e di tangenti, costringendomi ad avvicinarmi a te per vedere gli appunti oltre le tue spalle. Mi sono trovata a millimetri da una nuca che riconoscerei ad occhi chiusi. E li chiudo davvero, gli occhi, per non perdere nulla di questo profumo in cui mi sono tuffata per anni e che adesso annuso discreta, riconoscendo scie di dolcezza in quello che è ormai odore di uomo.

Da quanto non vedevo la tua nuca da questa prospettiva.

E’ l’ultima volta, lo so.

I prossimi occhi di donna che si impiglieranno tra questi ricci non saranno i miei.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...