Rutenio

rutenio
Rutenio – Immagine presa da http://www.wikipedia.it

Il rutenio è un metallo bianco e duro. Si presenta in quattro forme cristalline diverse e non si opacizza a temperature ordinarie. Si ossida però con reazione esplosiva.

Per via del suo effetto indurente su platino e palladio, il rutenio viene usato in lega con essi per produrre contatti elettrici molto resistenti all’usura. L’aggiunta dello 0,1% di rutenio al titanio ne aumenta la resistenza alla corrosione fino a 100 volte.

Il rutenio (dal latino Ruthenia, Russia) fu isolato da Karl Ernst Claus nel 1844. Elemento considerato abbastanza inutile, trovò un suo utilizzo industriale grazie a Kenneth Parker che nel 1941 mise sul mercato quella che viene generalmente considerata la più perfetta penna della storia, la Parker 51.

Immagine presa da www.wikipedia.com
Parker 51 – Immagine presa da http://www.wikipedia.com

Era l’eleganza fatta penna: il cappuccio poteva essere placcato oro o cromo; la clip era dorata e a forma di freccia. Il corpo era grassottello e invitante e si presentava in colori con nomi come “blu cedro”, “verde Nassau”, “cacao”, “rosso furia”. Il materiale del corpo era una plastica di nuova concezione, la lucite. Erano nuovi anche il meccanismo che regolava il flusso dell’inchiostro e l’inchiostro stesso. Per la prima volta i segni tracciati non si asciugavano per evaporazione ma penetravano nelle fibre stesse della carta e si asciugavano all’istante per assorbimento. L’unico punto debole di questa penna era la punta in oro, un materiale malleabile che si deforma facilmente. Parker mise al lavoro un esperto di metallurgia dell’Università di Yale e nel 1944 venne brevettato il pennino costituito da una lega di rutenio che lo rendeva resistentissimo. Il fatto che la penna fosse ricaricabile ed avesse ora un pennino praticamente indistruttibile la rese un oggetto praticamente eterno.
Questa penna divenne presto una sorta di status symbol, l’unico oggetto con cui banchieri, agenti di cambio e politici di alto livello firmavano assegni, conti del bar e schede segnapunti a golf. Nel 1945 Eisenhower e Mac Arthur usarono le loro rispettive 51 per firmare gli armistizi che misero fine alla seconda guerra mondiale in Europa e nel Pacifico.

In realtà non sono un’esperta di penne, anche se mi piacciono molto. E il rutenio è un elemento che ho sentito nominare per la prima volta solo qualche giorno fa.

Ma ho letto che Oliver Sacks, il grande neurologo e scrittore recentemente scomparso, aveva l’abitudine di collegare i suoi compleanni al relativo elemento sulla tavola periodica. Un’idea che trovo affascinante: gli anni non più considerati come un pesante accumulo ma piuttosto come transizione verso caratteristiche diverse e sempre più complesse. Un’idea che ho deciso di adottare e che oggi mi fa compiere un balzo proprio sulla casellina del rutenio.

(Le notizie relative al rutenio e alla Parker 51 vengono da Wikipedia e da un libro bellissimo sulla chimica, Il cucchiaino scomparso)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...